Sindacato Scuola Athena

i have a dream: PDF Stampa E-mail
  
Lunedì 21 Aprile 2008 15:20

vittoria5

 

 

Citazioni dal discorso di Barack Obama  al Cairo del 4 giugno 2009

 

" E' più facile cominciare una guerra che finirla. E' più facile incolpare gli altri che noi stessi. E' più facile vedere cosa è differente piuttosto che cosa ci unisce. Ma dobbiamo scegliere la strada giusta, non quella più facile".

"Che non ci siano dubbi: la situazione per il popolo palestinese è intollerabile... L'unica soluzione per le aspirazioni dei due popoli è attraverso due Stati, in cui israeliani e palestinesi vivano accanto in pace e in sicurezza. E' nell'interesse di Israele, nell'interesse della Palestina, nell'interesse dell'America e nell'interesse del mondo".

Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza.

of today and tomorrow, I still have a dream It is a dream that is deeply rooted in the American dream. I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: "We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal." [...]

king.jpg "Ho un sogno, vi dico oggi, anche se ci troviamo ad affrontare le difficoltà di oggi e di domani, ho ancora un sogno,  è un sogno che è profondamente radicato nel sogno americano. Ho un sogno che un giorno questa nazione si alzerà  e vivrà il vero significato del suo credo: "Noi riteniamo ovvie  queste verità  , che tutti gli uomini sono stati  creati uguali". [...]

mart.jpg

 

 

" Abbiamo imparato a volare come gli uccelli,
a nuotare come i pesci,
ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli "

Martin Luther King


 

obama_king5 mlking-rally

Siamo fiduciosi, un pò il sogno si è avverato. Intravediamo un modo più uguale, più solidale, più vicino agli umili e ai poveri, più vivibile e umano.

 

tallin_3

 

 

, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati. E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.

 

A quarant'anni dalla sua morte, ad Atlanta in migliaia hanno aspettato l'annuncio dell'esito del voto con una veglia sulla tomba del leader dei diritti civili Martin Luther King, nella Ebenezer-Church, il centro vitale della comunita' nera della downtown. Canti e cori gospel sono andati avanti fino a notte fonda. "La notte prima del suo assassinio", ha dichiarato un commosso reverendo Raphael Warnock ai fedeli, "Martin Luther King disse: 'Sono stato in cima a una montagna e da li' ho visto la terra promessa'. Questa notte abbiamo toccato con mano l'America promessa.

 

Restituire violenza alla violenza moltiplica la violenza, aggiungendo una più profonda oscurità a una notte ch'è già priva di stelle. L'oscurità non può allontanare l'odio; s olo l'amore può farlo.

"Io

ho un sogno

 

 

io ho un sogno: 

"...siate sicuri che noi vi vinceremo con la nostra capacità di soffrire. Un giorno noi conquisteremo la libertà, ma non solo per noi stessi: faremo talmente appello al vostro cuore ed alla vostra coscienza che alla lunga conquisteremo voi e la nostra vittoria sarà una duplice vittoria. L'amore è il potere più duraturo che vi sia al mondo".

mart.jpg

 

Ultimo aggiornamento ( Sabato 10 Novembre 2012 13:09 )