Stampa

O R G A N I C O D I S O S T E G N O

Scritto da franco lillo on .

CHE    SUCCEDE   CON    L’ORGANICO  DI  SOSTEGNO.

 

         Le modalità di calcolo dell’organico di diritto e dell’organico funzionale di sostegno, sono state modificate dall’art. 2 commi 413 e 414 della legge finanziaria 2008, che per comodità riportiamo  in calce.

Viene superato il vecchio rapporto di un docente di sostegno ogni 138 alunni frequentati, e  introdotto il criterio del 25% delle classi. In pratica un docente ogni 4 classi funzionanti.

 

         Quindi  un  aumento dell’organico di diritto,  che porterà da settembre ad un incremento delle immissioni in ruolo per tutti gli ordini di scuola.

 

         Ma sull’organico funzionale ( i vecchi posti in deroga legati alla diagnosi funzionale) è previsto che entro il I° settembre 2010, l’organico complessivo non potrà superare il 70% dell’organico funzionante nell’anno scolastico 2006/07.

 

In pratica un taglio del 30%,  scaglionato nei tre anni, pari al 10% all’anno ad iniziare dal I° settembre 2008.

 

         Per questo una diminuzione secca dei docenti di sostegno del 30%  “ al fine di evitare la formazione di nuovo personale precario “  come previsto nel comma 414 dell’art. 2.

 

         Di nuovo tagli, tanto per cambiare. E questa volta sostanziosi.

 

Come dire che,  per evitare la formazione di nuovo precariato, passiamo per le armi quelli che precari  lo sono da anni.

 

Già da quest’anno la diminuzione delle supplenze annuali sul sostegno sarà del 20%, a fronte di un aumento delle immissioni in ruolo del 10%.

 

Davvero non c’è limite al peggio.

 

Intanto, per quanto possibile, ancora, a tutti voi,  auguro una

 

Serena Pasqua

 

 

 

 

 

Docenti di sostegno (art.2, commi 413, 414) LEGGE FINANZIARIA 2008 ( stralcio)

Non saranno più consentite assunzioni in deroga.

 

413. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 1, comma 605, lettera b), della legge 27 dicembre 2006, n.

296, il numero dei posti degli insegnanti di sostegno, a decorrere dall'anno scolastico 2008/2009, non può

superare complessivamente il 25 per cento del numero delle sezioni e delle classi previste nell'organico di

diritto dell'anno scolastico 2006/2007. Il Ministro della pubblica istruzione, con decreto adottato di concerto

con il Ministro dell'economia e delle finanze, definisce modalità e criteri per il conseguimento dell'obiettivo

di cui al precedente periodo. Tali criteri e modalità devono essere definiti con riferimento alle effettive

esigenze rilevate, assicurando lo sviluppo dei processi di integrazione degli alunni diversamente abili anche

attraverso opportune compensazioni tra province diverse ed in modo da non superare un rapporto medio

nazionale di un insegnante ogni due alunni diversamente abili.

414. La dotazione organica di diritto relativa ai docenti di sostegno è progressivamente rideterminata, nel

triennio 2008-2010, fino al raggiungimento, nell'anno scolastico 2010/2011, di una consistenza organica pari

al 70 per cento del numero dei posti di sostegno complessivamente attivati nell'anno scolastico 2006/2007,

fermo restando il regime autorizzatorio in materia di assunzioni previsto dall'articolo 39, comma 3-bis, della

legge 27 dicembre 1997, n. 449. Conseguentemente, anche al fine di evitare la formazione di nuovo

personale precario, all'articolo 40, comma 1, settimo periodo, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, sono

soppresse le parole da: «nonché la possibilità» fino a: «particolarmente gravi,», fermo restando il rispetto dei

princìpi sull'integrazione degli alunni diversamente abili fissati dalla legge 5 febbraio 1992, n. 104. Sono

abrogate tutte le disposizioni vigenti non compatibili con le disposizioni previste dal comma 413 e dal

presente comma.