Stampa

Firmato il contratto.

Scritto da franco lillo on .

mobilita-480x300x1Scadenze trasferimenti:

docenti dal 26 febbraio al 16 marzo

ATA dal 18 marzo al 15 aprile.

Il Piano Scuola ancora una nebulosa.

Aspettando l'organico aggiuntivo.

 

 

         Abbiamo  seguito il dibattito dell’incontro di domenica del  PD  su  "La scuola cambia,cambia l'Italia",

         Abbiamo   ascoltato tutte le interviste del ministro e anche del sottosegretario Faraone.

         Abbiamo anche letto con attenzione  l’analisi della fondazione Agnelli.

         Abbiamo fatto le pulci a tutti i resoconti pubblicati.

         Abbiamo cercato di avere informazioni di prima mano anche dai componenti la commissione cultura della Camera.

         Lo abbiamo fatto ovviamente per cercare di capire dove si andava a parare.

         Ebbene, a tre giorni dal varo dei provvedimenti attuativi del piano scuola, previsti per venerdì 27 febbraio,  abbiamo capito di non aver capito.

         Crediamo però di essere in buona compagnia, compreso il gruppo di lavoro che sta predisponendo i provvedimenti.

         La sola certezza è che faranno  un decreto legge, e un disegno di legge delega.

           Il primo per introdurre l’organico funzionale il secondo per delegare il governo  alla modifica di alcuni aspetti della vigente normativa.

         Considerato che le scoperture residue dello scorso anno e i pensionamenti di quest’anno assommano a poco più di 80 mila posti, per arrivare ai 148 mila previsti, prevediamo un organico funzionale di almeno il 10%, quindi poco più di  60 mila nuovi posti.

         Come , dove, a chi e a che prezzo saranno dati,  credo sia ancora un mistero doloroso.

         Tra svuotamento delle GAE, sentenza della Corde di Giustizia Europea dello scorso 26 novembre, analisi impietosa della fondazione Agnelli, le carte sono state sparigliate.

         Il fatto che ieri sera abbiano firmato il contratto per la mobilità con scadenze molto ravvicinate e improbabili:

dal 26 febbraio al 16 marzo per i docenti

dal 18 marzo al 15 aprile per il personale ATA,

è un  segnale molto preoccupante.

         Ribadiamo che,  a nostro avviso,  tutti i posti che saranno aggiunti, quindi anche quelli su organico funzionale, devono essere inclusi nelle disponibilità per la mobilità sia provinciale che interprovinciale.