Stampa

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie:

Scritto da franco lillo on .

crollo

 La Funzione Pubblica muove numerosi 

rilievi al contratto, slittano ancora i

termini di presentazione della domanda.

 

Ancora in alto mare le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie.

Ogni anno è sempre peggio.

Il contratto sulla mobilità  annuale pare sia stato restituito venerdì scorso, con numerosi rilievi.

Firmato il13 maggio dalle OO.SS. e dal MIUR, era stato inviato per il parere preventivo, al Ministero della Funzione Pubblica, solo lo scorso 16 giugno.

Ora le richieste di modifica rischiano di dilatare i tempi e mettere a serio rischio per il regolare avvio dell'anno scolastico.

Se non si trova a breve una soluzione praticabile, e la scadenza delle domande dovesse slittare ad agosto inoltrato, c'è il rischio concreto che molti USP pubblicheranno i movimenti abbondantemente oltre la data dell'inizio delle lezioni.

Questo soprattutto negli Uffici Scolastici delle province meridionali, perchè le domande di utilizzazioni sono cresciute negli ultimi anni in maniera esponenziale per via dei tagli, mentre nel contempo è calato, sotto il livello di guardia, il numero degli addetti degli USP.

Le operazioni di mobilità  annuale del personale a T. I., precedono tutte le altre operazioni.

Le immissioni in ruolo e la nomina dei supplenti annuali, necessariamente debbono essere disposte dopo la pubblicazione delle assegnazioni e delle utilizzazioni.

La continuità  dei docenti per il MIUR è un valore solo quando si tratta di bloccare per 5 anni i precari neo immessi in ruolo, per il resto e un optional, una variabile che aiuta a dequalificare la scuola pubblica.