Stampa

Trasferimenti

Scritto da franco lillo on .

mobilit_1Breve guida alla mobilità  a domanda.

Chi può presentare domanda:

 

Può presentare domanda di mobilità  entro lunedì 9 marzo 2009 il personale docente ,

educativo e ATA con rapporto di lavoro a tempo indeterminato con o senza sede di titolarità .

  

Successivamente saranno riaperti i termini per la presentazione delle domande di mobilità  per i docenti e gli ATA che saranno individuati come soprannumerari per il 2009/10 nonchè per coloro che concludono i corsi di riconversione professionale e i corsi di sostegno, presumibilmente intorno a metà  aprile.

 

Il personale neo immesso in ruolo con decorrenza giuridica dal 2007/08 non può partecipare ai trasferimenti per altra provincia perchè ancora non è decorso il blocco triennale.

 

A chi non si  applica il blocco triennale :

 

al personale docente non vedente

al personale docente emodializzato

al personale docente di cui all'art. 21 della legge 104/92

- al personale che ha bisogno per gravi motivi di salute di particolari cure a carattere

continuativo (terapie salvavita);

- al personale docente che assiste un soggetto portatore di disabilità  grave e

bisognoso di assistenza continuativa e permanente di cui all'art. 33 commi 5 e 7

della legge 104/92 , con limitazione ai genitori , ai tutori legali,

 al coniuge, al solo figlio in grado di prestare assistenza al genitore disabile in situazione di gravità . uno dei fratelli o una delle sorelle,  se i genitori sono deceduti o totalmente inabili. Se il richiedente è convivente con il congiunto che assiste si prescinde dalla dichiarazione dei fratelli/sorelle. (vedi punto V dell'art. 7 del CCNI del 12.2.2009).

 

Può produrre domanda di trasferimento per l'a.s. 2009/10, solo nella provincia di titolarità , il personale docente assunto con decorrenza giuridica 1.9.2007 o successiva,  il personale ATA invece non è soggetto a questo vincolo e può presentare domanda sin dal primo anno.

 

Il personale docente assunto con contratto a tempo indeterminato nell'anno scolastico in corso, deve presentare solo  domanda di mobilità  provinciale al fine di ottenere la sede definitiva.

 

Non può  presentare domanda di mobilità  professionale (passaggio di cattedra e passaggio di ruolo) in quanto non ha ancora  superato l'anno di formazione.

 

 

Chi può chiedere il passaggio di ruolo e di cattedra :

 

I docenti con contratto a tempo indeterminato, già  dal secondo anno di ruolo, se hanno superato il periodo di prova, possono presentare domanda di passaggio di ruolo o di cattedra anche per altra provincia, riferendosi il blocco triennale solo al posto o classe di titolarità , a condizione che posseggano il titolo di studio e l'abilitazione per il posto o la classe di concorso richiesti.

 

Il personale docente  in soprannumero nella scuola di titolarità ,

può presentare, se in possesso della specifica abilitazione, anche la domanda

di mobilità  professionale ( passaggio di ruolo e/o di cattedra) dopo il 9 marzo 2009, allo stesso modo i colleghi che conseguano il titolo di abilitazione attraverso i concorsi per esami e titoli o le sessioni riservate o i corsi di riconversione professionale entro il termine di chiusura della funzione.

 

Quante domande di trasferimento si possono presentare:

 

Trasferimenti

Gli insegnanti di scuola materna, elementare e media, oltre alla domanda per la provincia di titolarità , possono presentare la domanda di mobilità  per una sola altra provincia. La domanda di mobilità  interprovinciale annulla la domanda di mobilità  all'interno della provincia, nel senso che se venissero soddisfatte entrambe si deve intendere accolta quella interprovinciale.

 

I colleghi delle superiori invece con una sola domanda possono indicare sedi sia della provincia di titolarità  che di altre province, in  pratica possono richiedere la mobilità  anche per 15 province, pertanto possono presentare una sola domanda.

 

Passaggi di ruolo e di cattedra:

 

il passaggio di ruolo è la mobilità  che consente di passare da un ordine di scuola  ad un altro se in possesso del titolo di studio e della specifica abilitazione. Possono presentare domanda tutti i colleghi che hanno i requisiti, per un solo ordine di scuola e per una sola provincia, ma anche per più classi di concorso, ad eccezione dei colleghi delle secondarie che possono indicare anche 15 province.

In caso di presentazione di più domande, il passaggio di ruolo, se accolto, prevale e annulla il trasferimento ancorchè già  avvenuto. Se ad esempio un docente delle primarie presenta domanda di trasferimento e viene soddisfatto , se viene disposto successivamente anche il passaggio di ruolo verso la scuola secondaria, il trasferimento si intende revocato.

 

Il passaggio di cattedra è la mobilità  all'interno dello stesso ordine di scuola e riguarda solo i colleghi della scuola secondaria di primo e secondo grado. Per questo movimento, in caso di presentazione di più domande, bisogna indicare l'ordine di trattazione all'interno del modulo domanda sbarrando il Si o il NO.

I passaggi dalle classi di concorso della tabella " D " a quelle dellaTabella "A" , sono passaggi di cattedra, i passaggi dalle classi della tabella "C"  a quelle delle tabelle "A" o " D " , sono passaggi di ruolo.

Il passaggio di ruolo, quindi,  può essere chiesto per un solo ordine di scuola e per una sola

provincia, il passaggio di ruolo nella scuola secondaria di secondo grado può essere richiesto

anche per più province (nel numero massimo di 15 preferenze). Nell'ambito di ciascun

ruolo, il passaggio può essere richiesto per più classi di concorso appartenenti allo stesso

ordine e grado di scuola.

 

 

La documentazione da allegare:

 

Il sevizio sia di ruolo che pre ruolo deve essere dichiarato con l'allegato "D", la continuità  per almeno tre anni nella stessa scuola  con l'allegato "F" (pubblichiamo a parte gli allegati).

 

Il possesso dell'abilitazione, specializzazione, altre lauree, dottorato di ricerca, titolo di sostegno, situazione di famiglia, ricongiungimento al coniuge, e tutti gli altri titoli valutabili,  possono essere dichiarati con una sola dichiarazione personale.

 

Per il punteggio di ricongiungimento bisogna,  allegare oltre alla propria dichiarazione di parentela, anche la dichiarazione del coniuge, genitore, figlio maggiorenne, di residenza con indicazione della decorrenza (almeno tre mesi prima della scadenza della domanda) allegando una fotocopia del documento di riconoscimento del dichiarante.

 

Nel caso di precedenze dirette o per assistere congiunto, a norma della L. 104/92, bisogna allegare la certificazione medica con opportuno "missis" (cancellare con tratto di pennarello) della diagnosi perchè dato sensibile.

  

In caso di presentazione di più domande di mobilità , la documentazione deve essere allegata ad una sola domanda.

 

Per  informazioni più dettagliate rivolgersi alle nostre sedi o mandateci una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .