Stampa

le 4 fasi delle immissioni in ruolo

Scritto da franco lillo on .

mobilità buonascuola

 Almeno  tre precari su

quattro del Sud, saranno

obbligati ad accettare

una sede al NORD.Tabelle MIUR.

 

      

         Il Miur ha pubblicato le tabelle con  la probabile ripartizione dei posti ordinari per le immissioni in ruolo per tipo di posto, province e classi di concorso, nonché quelli previsti dall’organico dell’autonomia, 8/9%.

         Purtroppo  sono stati esclusi dal conto  i posti derivanti dalla somma degli spezzoni  e quelli   autorizzati in organico funzionale  che sono circa 60.000.

         Per questi posti crediamo  sia necessario, prima che l’ Unione europea cominci a notificarci  le sanzioni e i giudici a scrivere le sentenze,  un piano di stabilizzazioni che interessi anche gli inclusi nelle graduatorie d'istituto e il personale ATA,  in possesso dei requisiti stabiliti dalla sentenza della Corte di Giustizia  europea.

         Nella ormai  quasi certezza che entro questa settimana sarà approvato definitivamente il d.d.l. sulla ex BuonaScuola, intanto  cominciamo con  una prima sommaria indicazione su come saranno disposte le assunzioni.

         Ci riserviamo di preparare fra qualche giorno, una prima  ipotesi di ripartizione dei contingenti  per la Campania,  per tutte le fasi.

         Restano da sciogliere alcuni dubbi interpretativi del DDL riguardo, in primo luogo,  al numero delle assegnazioni provvisorie che il MIUR autorizzerà in deroga al blocco triennale.

         Stimiamo però, purtroppo,  che almeno tre  precari su quattro saranno costretti a scegliere una provincia da Roma in su.

 

FASE 1

         Riguarda solo i posti disponibili con  le attuali regole:   21.880 dal  al turn-over,  e 14.747 di sostegno, per complessivi 36. 627, posti  e vengono disposte dalle GAE  nella provincia di inclusione o nella regione per gli inclusi nelle graduatorie dei concorsi 2012 e precedenti (se ancora attive). Con la possibilità di optare per il posto comune o il  sostegno e tra tutte le classi di concorso di inclusione.

         Questa fase dovrebbe partire subito dopo le assegnazioni provvisorie provinciale ed interprovinciali e concludersi al massimo per il 31agosto, con decorrenza giuridica ed economica dal 01/09/2015

         Dopo tale fase le graduatorie dei concorsi antecedenti al  2012 saranno soppresse.

 

FASE 2

         Sono interessati , come nella fase 1,   gli inclusi a pieno titolo nelle GAE e nelle graduatorie dei concorsi 2012 (idonei compresi) che non siano già di ruolo.

         I posti disponibili sono quelli    liberi dell'organico di diritto   negli anni precedenti : 10. 849, a questi  vanno aggiunti  tutti quelli  eventualmente non assegnati nella fase 1 (solo al Nord!).

          Le assunzione saranno  disposte nella provincia per le GAE e nella regione per gli inclusi nelle graduatorie del concorso al 50% e 50%, entro il 15/09/2015 e avranno decorrenza giuridica  ed economica dal 01/09/2015.

FASE 3

         Chi  non matura l’assunzione nelle due fasi precedenti,   successivamente a domanda  può chiedere di essere assunto sui posti di organico di diritto  rimasti liberi nelle varie province a livello nazionale a domanda e saranno  assunti con decorrenza giuridica 1/9/2015 e, probabilmente,  economica dal 01/09/2016,

         Ai docenti assunti nelle tre fasi precedenti  sarà data  una sede provvisoria. La sede definitiva sarà assegnata con la mobilità 2016/2017, con le vecchie regole

FASE 4

         Tutti quelli che non hanno trovato posto nelle fasi precedenti  vengono assegnati  all'organico aggiuntivo delle varie province a livello nazionale ed assunti con decorrenza giuridica 1/9/2015 ed economica dall’effettiva presa di servizio (01/09/2016)

         Sarà  data  la possibilità di scegliere, con procedura informatica, l'ordine di priorità tra tutte le province ed optare tra posto comune o sostegno.

          Se si è inclusi nelle GAE e nella graduatorie del concorso, si dovrà  scegliere per quale delle due si preferisce concorrere all'assunzione.

         Gli assunti in questa fase non avranno una sede di titolarità e partecipano alla mobilità 2016/17,  con le nuove regole  per uno degli ambiti territoriali a livello nazionale.

 VEDI TABELLE PER REGIONE